Centro dati di investimento: in attesa di un caso aziendale

0
23

Data centre 1

L’alimentazione e il raffreddamento problemi possono essere meno di una preoccupazione per i data center manager, ma c’è un caso di una radicale nuove tecnologie?

All’interno dell’azienda: centri Dati sono uno dei suoi investimenti a più lungo termine. Un PC può avere una durata di tre anni; un portatile forse solo due. Alcuni server soldato che per un decennio o giù di lì. Ma un centro dati potrebbero essere tenuti a fornire servizi per 20 anni o più.

L’aggiornamento di un centro dati, quindi, ha bisogno di un’attenta pianificazione: c’è la posizione fisica, edificio, alimentazione, raffreddamento e di accesso alla rete per organizzare, prima di un singolo server viene messo in un rack.

Negli ultimi anni, la spesa dei centri di elaborazione dati, e i dati del centro di tecnologia, ha seguito un ruvido curva a campana.

I cio sono sotto pressione per fornire più agile e il centro dati non fa eccezione.

I dati del centro di spesa raggiunto il picco prima della crisi finanziaria, in quanto le imprese hanno lottato per spremere la massima capacità possibile nel loro infrastruttura fisica, al fine di soddisfare la domanda.

Questo, e le preoccupazioni circa i limiti di alimentazione e di raffreddamento, viene richiesto alle imprese di investire in un certo numero di spazio di tecnologie di risparmio energetico, da lame per la virtualizzazione server. Spesso, le aziende avevano altra scelta, ma per spremere in maggiore capacità in questo modo, come la costruzione di nuove spazio fisico sarebbe troppo lungo.

Poi è arrivata la recessione e ha lasciato un avanzo di fisica del data center spazio, soprattutto a seguito di un’ondata di consolidamento nel settore dei servizi finanziari. Per un po ‘ almeno, alcune delle più acute pressioni su dati dei gestori dei centri si è indebolito.

Ora, però, la pressione è in ripresa, di nuovo, come le imprese di anticipare l’atteso ritorno alla crescita. Ma alcuni esperti sostengono che la prossima generazione di data center dovrebbe cercare di fornire più di più efficiente di alimentazione e di raffreddamento, l’importante è.

“Tutto ciò che negli ultimi anni era di circa di alimentazione, raffreddamento e spazio, concede Jim DeHaven, direttore per Cisco data center di virtualizzazione di business nel regno UNITO e in Irlanda. “Ma questi fattori non sono quasi parte della conversazione.”

Invece, dice, il dibattito si è spostato di più di quanto le risorse all’interno del centro dati sono organizzati.

Certamente, negli ultimi anni i produttori hanno fatto grandi passi avanti nell’efficienza energetica di un nucleo di sistemi informatici, soprattutto x86-based server. Che il progresso ha continuato, nonostante il calo della domanda negli ultimi anni. E, per una buona percentuale di imprese, l’esecuzione di carichi di lavoro del server in macchine virtuali è ormai la norma.

Ma, DeHaven dice, i Cio sono sotto pressione per fornire più agile e il centro dati non fa eccezione. Idealmente, questo significa che il collegamento dati centro di architettura più vicino alle esigenze delle applicazioni, e di avere un setup in grado di adattarsi, come quelle applicazioni adattarsi.

Cisco nuova Application Centric Infrastructure, o ACI, mira a fornire come – DeHaven dice – fornire un più facile collegamento tra locali, outsourcing e cloud-based dei carichi di lavoro. Per fare questo, il venditore è lavoro con un numero di partner di settore, tra cui Red Hat, Microsoft e IBM, così come i fornitori di software indipendenti.

Cisco ha propagandato l’idea di legare l’applicazione e la rete insieme più strettamente per diversi anni. Essa sostiene alcuni dati interessanti per ACI: un 75 per cento di riduzione del TCO, contro il solo software di virtualizzazione, e il 15% di risparmio di alimentazione e raffreddamento attraverso nuove opzioni.

Ma anche il venditore ammette che, per ora, queste tecnologie si rivolge più ai grandi integratori di sistemi e fornitori di servizi cloud.

Tra le imprese, solo le più grandi banche sono propensi ad acquistare in ACI, dato i costi iniziali. Ma anche lì, abbiamo bisogno di vedere un paio di anni in più’ solida crescita economica prima di investire in un centro dati aggiornamenti torna su Cio’ ordine del giorno.

Stefano Pritchard è un redattore a CHE Pro.